International Property Rights Index – 2015

Competere presenta in Italia l’edizione 2015 di IPRI (International Property Rights Index), l’indice che dal 2007 misura con uno studio comparato, la diffusione dei sistemi di tutela in materia di diritti di proprietà (fisica ed intellettuale).

IPRI è prodotto dalla Property Right Alliance di Washington DC, insieme alla  Hernando De Soto Fellowship, con la partecipazione di oltre 92 organizzazioni tra cui Competere.eu.

La ricerca, messa a punto dal prof Sary Levy-Carciente, ha coinvolto 129 Paesi che rappresentano complessivamente il 99% del Pil mondiale e il 94% della popolazione mondiale. In particolare, questa edizione contiene uno studio dell’Avv. Giammarco Brenelli, Advisor di Competere, sul rapporto tra moda e proprietà nell’era della globalizzazione dei mercati.

I risultati di IPRI dimostrano chiaramente come i paesi che più tutelano la proprietà sono anche quelli che crescono più stabilmente, sono più competitivi e producono maggiore innovazione. Non a caso la ricerca IPRI mette in evidenza quanto sia grande la sperequazione economica tra Paesi dove il diritto di proprietà è particolarmente tutelato e quelli nei quali è totalmente assente. Nazioni nel quintile più alto della ricerca IPRI come Finlandia, Norvegia e Nuova Zelanda godono di un PIL medio pro capite nazionale di $ 44,542.82; le nazioni nel secondo quintile hanno un PIL medio pro capite di $ 23,786.34. Le medie registrate nel terzo, quarto, e quinto quintile sono rispettivamente pari a $ 11,086.53, $ 3,377.99 e $ 1,880.94. Scendono di qualche punto gli Stati Uniti.

L’Italia è 51°, posizionandosi nella fascia media, ma perdendo 10 posizioni rispetto all’edizione 2014, ed è diciottesima  tra i paesi EU, con un punteggio di 5.6, contro gli 8.3 della Finlandia, in cima alla classifica. A pesare sul nostro paese è l’incertezza del sistema giudiziario che nell’ultimo anno è crollato da 4.2 a 1.2. Altri parametri sono rimasti identici al 2014, come la stabilità politica e il livello della corruzione. L’accesso al credito è invece diminuito da 1.3 a 1. E’ aumentato il livello della pirateria mentre la protezione dei brevetti è rimasta invariata. La nota positiva arriva invece dal numero dei brevetti e marchi registrati.

SCARICA E LEGGI IL REPORT

IPRI 2015 – Brochure

La credibilità è la nostra forza. La nostra visione al vostro servizio.

Pietro Paganini
Presidente, Competere
Newsletter

Join Our Community and Stay Up to Date