Burocrazia: il Vero Costo per le Imprese – Competere presenta l’Indice della Burocrazia 2020IN COLLABORAZIONE CON YOURGROUP E IN PARTNERSHIP CON INESS & FRIEDRICH NAUMANN FOUNDATION

INDICE DELLA BUROCRAZIA 2020

Il progetto Indice della Burocrazia è coordinato da INESS (Institute for Economic and Social Studies) e supportato da Friedrich Naumann Foundation

Competere presenta oggi l’Indice sulla Burocrazia, curato per l’Italia con la collaborazione di yourGroup. Gli ostacoli della burocrazia italiana costano miliardi di euro alle imprese tra tempo dedicato agli adempimenti amministrativi e consulenti necessari alla compilazione dei documenti. Peggio solo la Spagna.

Il rapporto tra amministrazione e imprese in Italia non è mai stato idilliaco. Recenti stime indicano che il costo annuale della burocrazia per una PMI è di circa 108mila euro. Quali sono le voci che pesano di più sull’organizzazione e limitano l’attività imprenditoriale?

L’Indice sulla Burocrazia – Bureucracy Index, un progetto internazionale coordinato da INESS (Institute of Economic and Social Studies) e sostenuto dalla Friedrich Naumann Fundation, misura il tempo necessario ad una PMI per adempiere a tutte le richieste burocratiche. I paesi coinvolti nella ricerca sono Spagna, Slovacchia, Polonia, Lituania, Repubblica Ceca e Macedonia del Nord. Competere ne ha curato la pubblicazione per l’Italia con la collaborazione di yourGroup.

PERCHÉ È IMPORTANTE

Un sistema burocratico pesante costituisce un fardello gestionale e aumenta i costi che le imprese, soprattutto quelle di piccole dimensioni, devono sostenere. Le procedure amministrative e la compilazione di documenti e “scartoffie” distolgono risorse che altrimenti potrebbero essere impiegate per l’operatività dell’azienda e per migliorarne i processi e i prodotti. In poche parole, per innovare e crescere.

IL CONFRONTO INTERNAZIONALE  

L’Italia, nella comparazione con gli altri paesi analizzati, risulta tra i peggiori per quanto riguarda gli ostacoli burocratici. Secondoa solamente alla Spagna. Una piccola-media impresa è costretta a dedicare alla compilazione di documenti, alle richieste di certificazioni e bolli 312 ore ogni anno. Un impegno di 2 ore giornaliere per 8 mesi di una risorsa.

A tutto ciò devono essere aggiunti i costi economici relativi all’impiego di eventuali consulenti e al pagamento delle tasse connesse ai procedimenti amministrativi. In Spagna il tempo necessario è di 369 ore. Molto meglio negli altri paesi sotto esame: in Lituania le ore sono 271, in Repubblica Ceca 223, in Slovacchia 217, mentre in Macedonia del Nord “solo” 154.

LE VOCI DELL’INDICE

L’Indice si compone di svariate voci che riguardano le dichiarazioni relative ai salari dei dipendenti e alla previdenza sociale, le assunzioni e i licenziamenti e ovviamente gli adempimenti fiscali. Solo per quest’ultimo settore le PMI sono costrette a impiegare ben 173 ore annuali. Mentre le voci dedicate all’impiego e alla previdenza sociale costano 123,5 ore su 312 totali.

 

Indice della Burocrazia impiego e amministrazione

 

In generale, si riscontra per l’Italia un ricorso ai consulenti esterni e alle certificazioni da parte di enti terzi di gran lunga superiore agli altri paesi coinvolti nell’Indice, fatta eccezione per la Spagna. Inoltre la scarsa digitalizzazione dei servizi e i repentini cambiamenti di regole non favoriscono il risparmio di tempo prezioso. Soprattutto per le PMI che possono utilizzare minori risorse e per le quali la burocrazia rappresenta un ostacolo alla crescita e all’innovazione.

DIGITALIZZARE E SEMPLIFICARE

L’Indice è uno strumento utile per il decisore pubblico e tutti gli stakeholder, soprattutto dopo l’approvazione del Dl Semplificazioni il cui impatto sul rapporto PA-imprese è ancora incerto. Come sottolineato da Clara Corti, Senior Advisor di yourGroup, che ha lavorato all’analisi per l’Italia, servono riforme sostanziali che permettano alle aziende italiane di affrontare in modo più leggero l’arena competitiva.

Molte delle voci calcolate nell’Indice sulla Burocrazia potrebbero richiedere meno risorse se i processi venissero digitalizzati, come avviene in altre realtà europee. O se il percorso di semplificazione riuscisse ad accorparne diverse sotto il cappello di poche, inclusi i documenti e le certificazioni necessarie. Il risparmio, anche economico, potrebbe valere miliardi di euro ogni anno.

PER CONSULTARE TUTTI I RISULTATI DELL’INDICE CLICCA QUI

Indice della Burocrazia risultati finali

 

Indice della Burocrazia

La credibilità è la nostra forza. La nostra visione al vostro servizio.

Pietro Paganini
Presidente, Competere
Newsletter

Join Our Community and Stay Up to Date