Il Piano Quinquennale della Cina di Xi Jinping – Report di CompetereREPORT ISSUE N.3 - NOVEMBER 2020

Il Piano Quinquennale della Cina di Xi Jinping – The 5th Plenum of China: what’s next?

Cosa prevede il comunicato del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese? Nel report di Competere un’analisi del piano quinquennale che sarà approvato dal Congresso del Popolo cinese a marzo  2021. Economia, tecnologia, ambiente e difesa. Ecco come sarà la Cina del futuro che sfida le democrazie Occidentali. 

A cura di Stefano Sartorio

LEGGI IL REPORT SUI PIANI QUINQUENNALI DELLA CINA >>

 

Le informazioni contenute all’interno del comunicato pubblicato in seguito al Quinto Plenum del Partito Comunista Cinese (PCC) sono di notevole rilevanza per chi vuole comprendere il futuro della Cina e l’impatto che. Il nuovo report di Competere “The 5th Plenum of China: what’s next?” sintetizza e contestualizza il tema, dividendolo nelle quattro priorità riscontrate dalle autorità cinesi:

  • Economia;
  • Tecnologia e innovazione;
  • Ambiente;
  • Difesa e sicurezza.
PERCHÉ È IMPORTANTE

Doppia circolazione, autarchia tecnologica e crescita qualitativa sono le tre parole chiave di questo Plenum. Per le imprese italiane ed europee diventa fondamentale conoscere, interpretare e anticipare i macro-cambiamenti che coinvolgono il paese asiatico più dinamico degli ultimi vent’anni.

L’AUTARCHIA MANCANTE

Nonostante i proclami, ancora oggi l’autosufficienza tecnologica è complessa da raggiungere per la Cina. Semiconduttori, batterie e veicoli aere senza pilota sono tra i prodotti che il paese vorrebbe produrre da solo. Peccato che ad oggi, essi siano importati per la maggior parte dall’estero (e da alleati statunitensi). 

DENTRO E FUORI

La doppia circolazione come principio (economia domestica come priorità e scambi con l’estero a sostegno della prima) ha spaventato alcuni commentatori sulle reali intenzioni della Cina di attuare maggiori politiche protezionistiche. In realtà, data l’ultima legge sugli investimenti esteri siglata con l’Ue e l’ultima pronuncia della Corte Suprema del Popolo (di maggiore tutela verso gli investimenti esteri) pare che il Dragone non voglia rinunciare all’apporto di capitale straniero. Centrale è capire quali settori saranno privilegiati. 

IL MANTRA DELLA CRESCITA QUALITATIVA

Xi Jinping ha sottolineato durante il Plenum che la Cina si dirigerà verso una crescita di tipo qualitativo e non più solo quantitativo. Dopo non aver assegnato al 2020 un risultato legato all’aumento del PIL, pare che l’orientamento di medio periodo si concentri proprio sulla riduzione delle disuguaglianze e sul miglioramento dello stile di vita. 

CINA VERDE

Il PCC ha già ottenuto dei risultati in tema ambientale nell’ultimo decennio. Con questo Piano Quinquennale l’idea è quella di fare ancora di più. L’obiettivo più altisonante è la neutralità carbonica entro il 2060 (nonostante il parere contrario di alcuni ricercatori). Sarà opportuno attendere marzo per avere più rassicurazioni in tal senso. 

UNA POSIZIONE SCOMODA

L’Italia starà nel mezzo di un intreccio di interessi internazionali senza avere una posizione ben precisa. Il Made in Italy, l’agroalimentare, la cantieristica navale e anche il settore aerospaziale sono al centro di numerosi accordi stretti negli ultimi anni con il sostegno governo italiano. La Nuova Via della Seta dovrebbe prendere una forma definitiva già nel 2021 e l’Italia gioca un ruolo fondamentale sul versante europeo.

Pressioni politiche verranno da più lati. L’Unione Europea non ha gradito troppo l’iniziativa italiana di apertura verso il Dragone, che pone rischi soprattutto sul lato della sicurezza strategica. Gli Stati Uniti hanno invece declassato l’Italia a paese di seconda fascia. La presidenza Biden rischia di mostrare ancora più disinteresse verso l’alleato mediterraneo, lasciandolo scivolare nella sfera di influenza asiatica. La Cina potrebbe fare pressioni per accelerare la propria presenza nel continente attraverso le infrastrutture italiane come porti, telecomunicazioni e reti strategiche

LEGGI IL REPORT SUI PIANI QUINQUENNALI DELLA CINA >>

 

GLI AUTORI DEL FOCUS

Competere intende ringraziare tutti gli autori che hanno partecipato alla realizzazione del report. 

Federico Campanile is an advisor on China affairs with a focus on institutional, social, and economic issues. He contributes to diverse online outlets writing about the Chinese Communist Party, international politics, and human rights.

Seohyun Han is now attending a master’s degree in China Studies at Renmin University Silk Road School. He has been Chief Editor at the Korea America Friendship Society Youth and intern at the Confucius Institute of Kyunghee University.

Elodie Cardonnet is a master’s student in “Contemporary China Studies” at Silk Road School (Renmin University of China), specializing in environment protection in China.

Domenico Repaci is currently a postgraduate scholarship student at the Renmin University of China. He is in the editorial board of the academic journal of Management and Ethical Finance from the Pontificia University of Santa Croce.

Stefano Sartorio is project manager and analyst at Competere – Policies for sustainable development. He collaborates with Taras Consulting in company internationalization in the Far East. He is also Vice President at Mondo Internazionale.

FINAL I Piani Quinquennali di Xi Jinping - Competere

La credibilità è la nostra forza. La nostra visione al vostro servizio.

Pietro Paganini
Presidente, Competere
Newsletter

Join Our Community and Stay Up to Date